L’autorità di regolamentazione del Regno Unito critica i preparativi della città per le nuove regole sui consumatori


Il principale osservatorio finanziario del Regno Unito ha identificato diversi fallimenti nel modo in cui banche, assicuratori e gestori patrimoniali si stanno preparando per le nuove regole di protezione dei consumatori, avvertendo che alcuni “faticheranno” a rispettare la scadenza per l’attuazione.

Il rapporto del Autorità di condotta finanziariapubblicato martedì, ha analizzato come circa 60 dei maggiori gruppi di servizi finanziari del Regno Unito si stiano preparando per una riforma normativa a giugno.

Il dovere del cliente stabilirà uno standard più elevato di protezione dei consumatori in tutto il settore, richiedendo ai gruppi di dimostrare che stanno dando la priorità ai “buoni risultati” per i propri clienti piuttosto che alla semplice ricerca di profitti.

Le regole si applicano a circa 60.000 aziende in un’ampia gamma di categorie che coprono la maggior parte del panorama dei servizi finanziari del Regno Unito. Non influiscono sui servizi di criptovaluta e buy-now pay-later, entrambi non ancora supervisionati dalla FCA.

La FCA ha affermato che “molte” aziende hanno compreso correttamente i propri obblighi ai sensi del nuovo regime, ma ha citato problemi evidenti con i piani di attuazione di “alcune” società.

Il watchdog ha aggiunto che c’è il rischio che alcune aziende “potrebbero avere difficoltà ad applicare il dazio in modo efficace una volta che le regole entreranno in vigore”. Nessuna delle aziende è stata nominata nel rapporto.

“Data la portata della riforma, riconosciamo che alcune aziende devono apportare cambiamenti significativi”, ha affermato Sheldon Mills, responsabile dei consumatori e della concorrenza della FCA.

Per quelli “più indietro nell’apportare i cambiamenti necessari, c’è tempo per rimediare e per mostrare che stanno agendo nello spirito del nuovo dovere”, ha aggiunto.

Sotto le riforme, che sono già state ritardato entro circa tre mesi, l’alta dirigenza e i consigli di amministrazione dovrebbero supervisionare le modifiche per porre fine alle accuse di sfruttamento e migliorare il servizio clienti.

La FCA ha affermato che in un caso, i verbali del consiglio avevano mostrato che il piano per attuare il dovere del consumatore “è stato approvato senza discussione”. In un altro, il consiglio aveva posto solo una domanda prima di implementare le modifiche.

Il cane da guardia ritiene che l’attuazione del dovere del consumatore richieda un “cambiamento significativo” nella cultura, ma ha affermato che alcuni piani “mancano di dettagli” su come promuovere una cultura appropriata.

Altri hanno riconosciuto la necessità di una cultura incentrata su buoni risultati per i consumatori, ha osservato, ma “non hanno fornito alcuna prova di una considerazione” sul fatto che l’ambiente attuale fosse adatto allo scopo.

I dirigenti finanziari ei loro consulenti hanno avvertito che l’attuazione del dovere del consumatore è un compito arduo perché deve essere incorporato in ogni interazione con il cliente.

Ciò potrebbe comportare modifiche alla struttura dei prodotti, agli script utilizzati per la vendita, alla gestione dei reclami e alla registrazione dei dati sulle interazioni con i clienti.

Alcune aziende sono state anche criticate dalla FCA per non aver assegnato correttamente la priorità al lavoro che devono intraprendere da qui a giugno, nonché per altre questioni operative, tra cui l’assegnazione di compiti al personale “oltre ai ruoli esistenti”.

La FCA ha inoltre criticato le aziende per essere sembrate “piuttosto compiacenti” nel modo in cui le loro precedenti iniziative nel servizio clienti le avevano preparate per il nuovo dovere.

Il rapporto ha anche rilevato che alcune aziende erano compiacenti nel modo in cui intendono raccogliere i dati per il rispetto del nuovo dovere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *